Notizie e impressioni dal Campo di Mirandola

Poiché le notizie sul terremoto potete trovarle aggiornate su qualsiasi sito o giornale preferiamo riporta una lettera che ci scrive l’amico Alessandro Nassisi dell’ANPAS, che sta facendo il capo campo a Mirandola, con impressioni e sentimenti che forse non trovate sui telegiornali.

Campo Costa Timbuktu..……….. Mirandola l’ombellico del mondo.

di Alessandro Nassisi

“Questo è l’ombelico del mondo dove si incontrano facce strane di una bellezza un po’ disarmante facce meticce da razze nuove come il millennio che sta arrivando”
Così iniziava una famosa canzone degli anni passati, e mai fu più azzeccata per descrivere quello che sta accadendo a Mirandola.
Sono a gestire un campo con circa 8 etnie diverse, otto comunità lontanissime tra loro e in alcuni casi anche con i propri confini in guerra; si va dalla comunità indiana e sick a quella pakistana passando da quella araba fino a quella cinese, il campo in questo momento sembra un gigantesco terminal in partenza per una nuova frontiera di convivenza pacifica.
Un hub dove le culture cercano di vivere insieme ma sempre gelose delle proprie tradizioni, un’ammasso di ideologie che difficilmente scozzano anche se diametralmente opposte, piccoli screzzi fungono da motore di ricerca della conoscenza del nuovo.
E io che ci faccio qua?! mi sono messo in modalità “wikipedia” pronto a ricevere qualsiasi informazione che mi fa conoscere cose nuove esperienze nuove, imparare la differenza rispettarle e provare a pensarle, accettare le loro usanze e passare velocemente a pensare in otto modi diversi, accresce quello che dovrebbe essere lo spirito di unione capire quello che può essere la chiave per la sconfitta del razzismo strisciante.
Penserete Utopia….. no semplicemente realtà, la chiave sono i bambini, i bambini giocano tra loro e si portano dietro i genitori che parlano poco italiano e chiedono aiuto ai figli per farsi tradurre un semplice “come va?” e a loro volta rispondano e i figli traducono.
Donne indiane che parlano con donne moldave in lingua e i loro figli traducono la discussione.
I loro figli amici che giocano a pallone e non fanno squadre in stile nazionale, ma miste; mentre i genitori diligentemente si prendono i turni per pulire i bagni, sistemare il campo, e poi?! arriviamo a mangiare, un menù bilanciato per tutti (oggi ho mangiato il ragù accanto ad Abdul, e lui mangiava verdura accanto a me), non sai chi ti servirà a tavola forse un Italiano?
un cinese? boh intanto il mio amico Abdul dice che noi scriviamo  all’incontrario no cavolo siete voi che scrivete al contrario, insomma ognuno scrive come gli pare, l’importante che la parola Integrazione sia colorata di tutte le razze.

Rispondi